Italiano
Lista Desideri
  
Menu

Le malattie più comuni dei polli. Problemi di salute di galli e galline

Le malattie più comuni dei polli. Problemi di salute di galli e galline

Dopo aver affrontato il tema della salute generale del pollo lo scorso mese, come promesso ci dedicheremo ad un breve excursus sulle malattie più comuni delle galline. L’argomento avrebbe una portata vastissima, ma in questa sede vedremo in maniera sintetica le principali patologie che colpiscono galli e galline.

Malattie di origine virale

· Malattia di New Castle > definita anche come pseudopeste aviaria, si manifesta con problemi gastrointestinali (feci verdi), nervosi (paralisi totale) e respiratori. È una patologia altamente contagiosa e dai frequenti esiti fatali per il pollo. L’unica strada percorribile è la prevenzione tramite vaccinazione.

· Morbo di Marek > la linfomatosi neurale si trasmette sia da animale ad animale o anche tramite l’uovo. I principali sintomi sono di tipo gastrointestinale (diarrea), ma soprattutto nervosi. Strane contrazioni degli arti e la paralisi che colpisce progressivamente le varie parti del corpo sono infatti i segnali più frequenti. Colpisce prevalentemente gli esemplari più giovani e il tasso di mortalità è molto elevato. Unico rimedio la vaccinazione in giovane età. 

· Difterite o vaiolo dei polli > comunemente si parla di vaiolo se si manifesta con ulcerazioni cutanee sulla testa (che possono portare anche alla cecità), di difterite se si estendono anche nella cavità orale. Si trasmette più spesso in estate attraverso punture di insetti (o anche con contagio da altri esemplari). Si raccomandano il vaccino preventivo e la tintura di iodio per alleviare le ulcere.

Malattie batteriche

· Psittacosi > provoca febbre alta, polmoniti, diarrea e rapido dimagrimento. Si trasmette con le feci e le secrezioni nasali e lacrimali. È molto contagiosa e può colpire anche l’uomo.

· Corzia infettiva > è legata ad agenti atmosferici e ambientali non idonei, ma può anche avere natura infettiva. Si accompagna a sintomi simili a quelli del raffreddore (occlusioni e secrezioni nasali) e a gonfiori facciali. Si previene con la vaccinazione e si cura con apposite terapie.

· Colera aviale > i sintomi sono sonnolenza, diarrea e tracce di sangue nelle feci, bargigli cianotici e tendenza a nascondere la testa sotto le ali. Ha tempi di incubazione di 1 o 2 giorni e si contrasta con vaccini e altre terapie specifiche.

Malattie da protozoi: la coccidiosi

I coccidi sono protozoi (organismi unicellulari) che si insediano nell’intestino dei polli causando gravi disturbi che, soprattutto nei giovani, possono portare alla morte. La malattia di diffonde con le feci, ma anche condizioni igieniche non ottimali e l’umidità agevolano la proliferazione di questi organismi.

I sintomi possono essere molti, ma non è sempre detto che si manifestino in modo evidente. Ne citiamo alcuni come penne arruffate, posizioni rannicchiate, dimagrimento, diarrea con tracce di sangue e paralisi.

Per contrastarla esistono vaccini e farmaci appositi contro i coccidi, ma un consiglio utile è anche quello di tenere gli esemplari giovani in un recinto a parte prima di metterli con gli esemplari adulti: in questo modo si abitueranno gradualmente a questi ospiti indesiderati.

Infestazioni parassitarie

· Endoparassiti (vermi) > è un problema frequente in galli e galline. I vermi si trasmettono con le feci o attraverso l’ingerimento di piccoli invertebrati. Infestano l’apparato gastrointestinale provocando occlusioni, lesioni e in generale dimagrimento e debolezza. Il problema si contrasta con farmaci antielmintici.

· Ectoparassiti > esistono numerosi disturbi e malattie dei polli causati da parassiti esterni. Citeremo solo i 3 più conosciuti:

1. Acaro della rogna. Si insinua tra le squame dei tarsi di galli e galline provocando croste, rigonfiamento, prurito, problemi di deambulazione, fino a compromettere lo stato di salute generale. La cura è rappresentata da spray o preparati di vasellina e zolfo da applicare alle zampe fino alla completa guarigione.

2. Acaro rosso. Di giorno si insinua nelle fessure presenti nel pollaio o nei posatoi, di notte attacca galli, galline e pulcini succhiando loro il sangue. Provocano prurito, anemia e nei peggiori casi portare anche alla morte. Anche se difficili da debellare completamente, il rimedio migliore è quello di disinfestare l’intero pollaio con prodotti appositi.

3. Pidocchio pollino. Parassita abbastanza comune che provoca alle galline un forte prurito. Si combatte con appositi spray, inserendo tabacco o sambuco nel pollaio (che funge da repellente) e allestendo bagni di sabbia fuori dal pollaio.

Vai all'articolo precedente:Lo spazio esterno del pollaio: recinzione e parchetto esterno per il pascolo
Vai all'articolo successivo:Organizzare il pascolo per gli allevamenti avicoli: consigli per volatili da cortile
Commenti:
7
    Azzolin Illeana
    23/12/2018 08:24
    Potete dirmi il nome della malattia dei polli che ha questi sintomi:
    dimagrimento
    cuore ricoperto con patina bianca
    fegato ingrossato
    intestino con interiora nere
    Ringrazio per eventuale risposta
    Giusy Leggieri
    28/03/2019 12:24
    Ho da poco acquistato una moroseta ma una volta a casa ho notato che le zampe che dovrebbero presentare una copertura piumata sono per metà nude estremamente ruvide e addirittura sembra che abbia un dito in più cosa potrebbe essere? Grazie per eventuale risposta
    Nicola Oselladore (Il Verde Mondo Di Oselladore Nicola)
    28/03/2019 17:14
    La moroseta ha un dito in più, è una sua caratteristica quindi ok. Potrebbe eventualmente essere rogna?? se vuoi mandaci una foto tramite mail. nicola@ilverdemondo.com provo a confrontarmi con i nostri esperti e provo a darti un consiglio.
    Andrea
    17/04/2019 21:31
    Salve, io allevo moroseta ho un problema con 2 galline, da 3 giorni una giovane gallinella ha gli occhi che gli lacrimano e li ha semichiusi; un’altra invece nel pomeriggio ha storto il collo e tuttora ha la testa verso dietro.
    Non riesco a capire il perché. Alimentazione e tutto il resto è ok.
    Qualcuno riesce ad aiutarmi a capire ?
    Nicola Oselladore (Il Verde Mondo Di Oselladore Nicola)
    18/04/2019 15:49
    Ciao Andrea, dovrebbero essere problemi respiratori. E' il catarro che gli fa tenere gli occhi chiusi. Le indicazioni sono queste. Cura con TETRASPIR per 7 giorni. Successivamente dagli dell'AMINOVIT 3-4 cc. per litro d'acqua per 8/10 giorni che è un integratore alimentare, servirà per riprendersi. Cosa importantissima devi tenere gli occhi aperti agli animali altrimenti non mangiano e non bevono e di conseguenza si debilitano e potrebbero morirti. Quindi fai bolire dell'acqua e una volta sterilizzata con del cotone o del cotton fioc puliscigli gli occhi in modo che li tengano aperti e possano mangiare e bere prendendo quindi anche le medicine. Assicurati che bevano soprattutto, se non sei sicuro imboccali. Mi raccomando un alimentazione bella carica di sostanza. Ti consiglio anche di disinfettare mangiatoie e abbeveratoi con il QUATERSAN. Tutti i prodotti in maiuscolo sono disponibili nel nostro sito. Entro martedì potremo consegnarti l'eventuale tuo ordine. Visto la fretta che hai vedi se trovi gli stessi prodotti dalle tue parti o fatti consigliare qualcosa di equipollente. Tienici aggiornati
    Luca
    27/06/2019 17:15
    Io ho qualche gallina con la cresta piegata, sembra un po molla, è un problema o è normale?
    Andrea
    26/09/2019 21:33
    Buonasera a tutti io ho un gallo brahma che da oggi sta fermo nel pollaio ho cercato di farlo uscire ma quando l ho preso ho visto che non riesce a camminare bene e si trascina con le gambe sembra cone che non riesce ad alzarsi..cosa potra essere?
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image