Italiano
Carrello0
Lista Desideri
  
Menu

Come allevare Galline Polverara: caratteristiche della razza

Come allevare Galline Polverara: caratteristiche della razza

La Gallina Polverara, oltre ad essere una discreta produttrice di uova, è anche un esemplare avicolo ornamentale di tutto rispetto. Questo grazie al particolare ciuffo piumato che la fa assomigliare alla gallina Padovana. Con questo articolo proveremo a spiegare le caratteristiche principali della razza e l’attitudine della stessa all’allevamento.

Differenze e somiglianze tra galline razza Polverara e Padovana

Come accennato prima, la Polverara e la Padovana sono 2 razze avicole che condividono alcuni aspetti in comune. Il primo è rappresentato sicuramente dal ciuffo di piume sulla testa (molto più voluminoso nella Padovana).

Altra coincidenza è la vicinanza territoriale. Il nome Polverara deriva dall’omonimo comune Veneto in provincia di Padova (non per niente è conosciuta anche come gallina Padovana di Polverara). Come poi è intuibile dal nome, anche la Padovana trova radici più o meno nello stesso territorio.

Questa vicinanza geografica ha alimentato alcune teorie contrastanti: quelle che vorrebbero i polli di razza Polverara derivanti da quelli Padovana, altre invece che sostengono l’esatto contrario. Al di là di quale tra queste teorie sia vera, pare che entrambe le razze in realtà derivino da volatili ciuffati originari dell’est Europa ed importati nei nostri territori.

Caratteristiche fisiche della Polverara

La gallina di Polverara è un volatile rustico che si adatta molto facilmente ad ogni clima. Ha un ossatura leggera e peso non superiore a 4 kg. Il portamento è eretto, fiero ed elegante. Ne esistono due varietà: bianca e nera, a seconda del colore principale del piumaggio.

La varietà bianca può presentare riflessi giallo paglierino nella livrea, il becco rosa e i tarsi tendenti al verdognolo. Quella nera invece può assumere riflessi verdi (abbastanza comuni in una livrea nera lucente). Becco e tarsi virano tra il color ardesia e il verdastro.

Entrambe le varietà di galline di Polverara sono caratterizzate da una cresta a cornetti rossa (piccola e poco più pronunciata negli esemplari maschi). Sia galli che galline portano ritto sulla testa un ciuffetto di piume che sporge in avanti, senza però coprire gli occhi. Il ciuffo nel gallo è simile ad un elmo, mentre nella gallina è più a spazzola.

 

Per saperne di più sulle creste a cornetti leggi anche la nostra Guida ai tipi di cresta di galli e galline.

 

Il ciclo di vita della gallina Polverara e l’attitudine all’allevamento

Per poter essere allevate come si deve, le galline Polverara devono vivere in spazi aperti e piuttosto ampi perché si adattano male alle piccole aree. Le femmine si dimostrano generalmente più calme degli esemplari maschi.

La razza Polverara tende a deporre circa 150 uova all'anno. Nonostante questi numeri, queste galline non sono buone covatrici e ciò fa si che, se si ha come obiettivo quello della riproduzione, si debba ripiegare su una chioccia o su un’incubatrice.

 

Leggi anche Come funziona l'incubatrice per uova di gallina dal nostro Blog!

 

Il ciclo vita inizia con la schiusa delle uova verso fine inverno-inizio primavera. Durante l'estate i pulcini si nutrono di mangime (granaglie fresche) e di cibo trovato in natura. I galli raggiungono la maturità verso dicembre, le galline a febbraio.

 

Per iniziare ad allevare le tue galline Polverara ti potrebbe essere utile uno dei nostri Kit Pollaio in Legno, come quelli presentati in questo video.

Vai all'articolo precedente:Le migliori razze di galline ovaiole secondo il Verde Mondo
Vai all'articolo successivo:Quali sono le razze di galline ornamentali più apprezzate?
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image