Italiano
Lista Desideri
  
Menu

Guida ai tipi di cresta di galli e galline

Guida ai tipi di cresta di galli e galline

È forse la parte anatomica più caratteristica dei polli in generale. Stiamo parlando della cresta! Probabilmente i meno esperti di allevamento di avicoli avranno presente solo la classica cresta a lamina. In realtà, a seconda della specie o della selezione,la cresta di questi volatili da cortile può assumere diverse forme, più o meno diffuse e più o meno strane. Ecco perché abbiamo pensato di scrivere una breve guida ai tipi di cresta di galli e galline per saperli riconoscere e capire a quali razze possono appartenere.

Da cosa dipende la forma della cresta di galline e galli?

Le diverse sembianze che può assumere questa protuberanza carnosa dipendono ovviamente da fattori genetici, influenzati però anche dalla mano dell’uomo per mezzo dei vari incroci susseguitesi nel tempo tra diverse specie e selezioni.

Cresta semplice

Esempio di cresta semplice della razza Olandese Nana

Iniziamo con la più conosciuta cresta semplice, per intenderci, quella a forma di lamina (piatta, eretta e col bordo seghettato). È un tipo di cresta che, in versione più o meno grande ed accentuata, accomuna la maggioranza delle specie di pollo (Rhode Island, Amrock, Faverolles, Nana Calzata, Chabo, Valdarno e Livorno ne sono solo alcuni esempi).

Cresta Doppia o a Coppa

Esempio di cresta doppia o a coppa della razza Siciliana

Questa tipologia di cresta è detta doppia proprio perché visivamente sembra che l’animale ne abbia 2 in testa. Considerando anche la parte concava che viene a crearsi nella parte centrale si può capire anche perché viene definita cresta a coppa. L’esempio nostrano più noto di cresta doppia appartiene a galli e galline di razza Siciliana, ma è possibile ricordare anche la Caumont.

Cresta a cornetti

Esempio di cresta a cornetti

In questo caso la cresta assume la sembianza di un paio di corna che, a seconda della specie o dell’esemplare, possono essere poco o molto accentuate, protratte in avanti o verso l’alto, parallele o divergenti (a forma di V). Ne sono alcuni esempi le razza Polverara, Olandese ciuffata o la Breda.

Cresta a Noce

Esempio di cresta a noce della razza Moroseta

L’esempio tipico di questo tipo di cresta ce lo fornisce la Moroseta. Una protuberanza posta appena sopra il becco che per forma (e nel caso specifico della Moroseta anche per colore) ricorda quello di una noce che spunta tra le piume.

Cresta a Rosa

Esempio di cresta a rosa della razza Rosecomb Bantam

Tipo di cresta molto particolare la cui forma è data da numerosi piccoli cornetti ammassati tra loro che, a seconda di quanto sono pronunciati, ricordano proprio l’aspetto di un fiore (probabilmente anche per via della colorazione rossiccia). In alcuni casi, come nei polli Rosecomb Bantam, la cresta a rosa è accompagnata da protuberanze più allungate.

Cresta a Pisello o a Baccello

Esempio di cresta a baccello della razza combattente indiana Cornish

Per alcuni aspetti assomiglia alla cresta a Noce, ma rispetto a questa ha una forma leggermente più allungata e curva, proprio come quella di un baccello. È possibile ritrovarla in specie come la Brahma o la combattente indiana Cornish.

Vai all'articolo precedente:5 regole per un allevamento biologico di galline
Vai all'articolo successivo:Guida alle colorazioni del piumaggio dei polli
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image