Coniglio gigante pezzato: caratteristiche, alimentazione e allevamento

29 Gennaio 2021
Coniglio gigante pezzato: caratteristiche, alimentazione e allevamento

Così come suggerisce il nome, il coniglio pezzato gigante è una razza che si distingue per le sue imponenti dimensioni, per il suo manto pezzato e per la sua eleganza. 

Questa razza proviene dalla Francia e venne inizialmente nominata “Papillon”, cioè farfalla, per il disegno che presenta all’altezza del muso (che si chiama appunto farfalla). 

I primi esemplari vennero messi sul mercato verso la fine dell’Ottocento in Germania e, pochi anni dopo, venne esportato in America. 

Nel mondo però, esistono tre esemplari di coniglio gigante: il coniglio gigante delle Fiandre, da cui poi derivano il coniglio gigante Ariete, e infine il coniglio gigante Pezzato.

Coniglio gigante pezzato caratteristiche

Questo coniglio alla vista si presenta con una struttura corporea solida, ma anche molto allungata; le sue dimensioni possono arrivare e superare i 60 cm e pesare tra i 5 e i 6 kg, se non anche di più. La testa, di dimensioni proporzionate rispetto al corpo, si presenta incassata nel collo e mostra una fronte molto allungata. 

Le orecchie dei conigli giganti pezzati sono di colore nero e prendono la classica forma a V sulla testa della bestiola e possono tranquillamente superare i 15 cm di lunghezza; avendo però la punta delle orecchie arrotondata e mostrandosi carnose, alla vista non risultano particolarmente slanciate. 

Il motivo per il quale questo coniglio è stato soprannominato pezzato è per via delle molteplici macchie che presenta su tutto il muso e il corpo. 

Mediamente tutti gli esemplari hanno la farfalla, cioè la macchia presente sul muso, ben delineata, così come anche le macchie intorno agli occhi e altre piccole macchie isolate che si riscontrano all’altezza delle guance; una lunga striscia, larga anche tre centimetri e che ricorda l'anguilla, corre su tutto il dorso del coniglio gigante pezzato fino all’estremità della coda. Infine, può presentare delle macchie circolari su entrambi i fianchi, che nel complesso prendono la forma dei segni lasciati da un morso. 

Se desiderate avere un coniglio gigante pezzato è importante che l’esemplare che volete acquistare possegga tutte queste caratteristiche.

 Alimentazione coniglio gigante pezzato

Per quanto riguarda l’alimentazione, non ci dobbiamo scordare che stiamo sempre parlando di conigli. La dimensione di questa razza ovviamente pretende delle quantità maggiori di cibo se si vuole crescere un esemplare grande, forte e in salute. 

Essendo un erbivoro, si nutre di vegetali come sedano e carote, ma un elemento imprescindibile nell’alimentazione di un coniglio è il fieno (dato ovviamente in giuste dosi); bisogna invece stare attenti alla quantità di vegetali, perché contengono lo zucchero, alimento che lo porterebbe ad ingrassare. 

Nel caso in cui non si abbia molto tempo a disposizione, per fortuna sono presenti sul mercato dei preparati di ottima qualità che renderanno più semplice la vostra vita, ma allo stesso tempo permetteranno al vostro amico peloso di avere un'alimentazione sana e corretta. 

Difetti

Se desiderate avere un animale di razza, allora è estremamente importante che gli esemplari di conigli pezzati rispettino precise caratteristiche e non presentino i seguenti difetti:

  • la farfalla deve rispettare determinate caratteristiche, come ad esempio non avere altre chiazze all’interno della farfalla; 
  • avere l’anguilla interrotta;
  • mancanza di uno dei due cerchi sulle guance;
  • avere i cerchi degli occhi collegati con altre chiazze;
  • avere delle chiazze collegate;
  • mancanza di uno dei segni sui fianchi (che solitamente si aggirano fra i 6 e gli 8 per lato). 

Come allevare un coniglio gigante pezzato

Innanzitutto, bisogna capire se è il caso o meno di comprare o adottare uno di questi animali. La loro grande stazza implica che il padrone disponga di un giardino abbastanza ampio per poter costruire un recinto a prova di predatori, che sia inoltre in grado di non far scappare il coniglio. 

Si deve costruire un recinto abbastanza grande e con la giusta altezza; in più, oltre alla recinzione, si deve costruire una casetta, o comunque un riparo per la notte o per ripararsi dalle giornate uggiose. 

Oltre a ciò, appena portato a casa, per un coniglio gigante pezzato è necessario trovare un buon veterinario che sia in grado di prendersi cura del vostro amico peloso. 

Essendo un animale di grandi dimensioni che vive a contatto con la terra, è consigliato portare questo animale dal veterinario almeno due volte l’anno per un controllo. 

Da cuccioli, invece, questi conigli devono essere portati immediatamente a fare tutti i vaccini contro le classiche malattie che potrebbero contrarre, come la scabbia o altri parassiti che solitamente si annidano nella terra o nel fieno.  

Pensate bene poi se volete far vivere questo animale da solo, oppure trovargli una compagna che gli possa fare compagnia per tutta la vita; sappiate però che i conigli sono animali molto prolifici, quindi è sempre bene tenere in considerazione che potrete ritrovarvi con molti più amici pelosi del previsto. 

Infine, la vita media di un coniglio gigante può durare fra gli 8 e i 12 anni, ma ovviamente questo dipende anche dalla tipologia di vita che ha fatto il vostro animale e dal suo stato di salute.

Vai all'articolo precedente:Coniglio Rex: caratteristiche, allevamento e alimentazione
Vai all'articolo successivo:Coniglio nano ermellino: cosa sapere per allevarlo al meglio
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image