Italiano
Lista Desideri
  
Menu

Coniglio gigante delle Fiandre: caratteristiche, curiosità e consigli per allevarlo

28 Dicembre 2020
Coniglio gigante delle Fiandre: caratteristiche, curiosità e consigli per allevarlo

I conigli delle Fiandre sono una razza dalle dimensioni estremamente elevate, provenienti dalla Patagonia e successivamente trasportati nelle Fiandre per essere perfezionati.

La razza del coniglio gigante di Fiandra infatti non si trova in natura, ma è un incrocio di altre due razze di conigli di grandi dimensioni (ma più piccoli dell'incrocio finale): il coniglio Ariete e il coniglio Pezzato.

Coniglio gigante delle Fiandre: caratteristiche

Certamente ciò che cade subito all’occhio è la stazza della bestia. I conigli giganti delle Fiandre, infatti, da adulti raggiungono una grandezza compresa fra i 65 cm e i 90 cm e le orecchie si allungano fino ai 16 cm, prendendo la classica forma a V.

Per quanto riguarda il peso invece, la razza coniglio gigante di Fiandra pesa fra i 5,5 kg e gli 8 kg e generalmente il peso e la grandezza maggiore viene raggiunta dalle femmine: le dimensioni lo portano ad avere le ossa del corpo, spalle, petto, arti e zampe estremamente possenti.

Il manto del coniglio delle Fiandre prende tutte le gradazioni e le sfumature di grigio, con il colore degli occhi e delle zampette cromaticamente in armonia con la tonalità del pelo.

A causa delle misure importanti e della corporatura, i conigli di Fiandra non si possono definire attivi e giocosi come i più piccoli conigli domestici: questa razza, infatti, tende ad essere molto pigra, tanto da fare spesso dei grandi pisolini della durata di ore.

Coniglio gigante di Fiandra: salute e cura

Per fortuna i conigli sono degli animali puliti, quindi non necessitano di una particolare toelettatura. Come forma di igiene preventiva si consiglia di lavarli una o due volte l'anno sotto un po' di acqua tiepida (mai a testa in su) e con del sapone dal ph neutro.

É fortemente raccomandato, invece, prendere in braccio il vostro gigante animale peloso e spazzolarlo energicamente in modo da togliere lo sporco in eccesso e il pelo morto che tende ad accumularsi in mezzo al manto.

Per cautela, si consiglia di portare il vostro animale dal veterinario due volte l’anno per un controllo di routine e fargli fare tutti i richiami dei vaccini necessari per assicurargli una vita lunga e in salute. In natura questi animali hanno una vita estremamente corta, di circa 5 anni; in casa invece, se tenuti con cura, possono vivere anche fino agli 8-12 anni.

I conigli giganti di Fiandra infatti, se non tenuti sotto osservazione, hanno la tendenza ad essere presi sotto attacco da varie specie di parassiti, come le zecche, che portano la mixomatosi: queste tipologie di infezioni si possono tranquillamente evitare tramite la somministrazione di vaccini antiparassitari, che richiedono un richiamo annuale o una tantum.

Questa razza ha anche la tendenza a prendere la micosi alle orecchie, al muso e alle palpebre, ma per questo basterà rivolgersi al proprio veterinario di fiducia, che darà una terapia antifungina da poter fare a casa.

Un'ultima malattia, ma non per importanza, a cui si deve fare attenzione è la rogna, o scabbia, portata dagli acari rossi che si annidano nelle lunghe orecchie dell'animale e in un secondo momento si spostano lungo la pelle di tutto il corpo: anche qui la soluzione migliore è quella di rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

Coniglio di Fiandre: consigli per l'allevamento e nutrimento

Pur essendo un animale estremamente pigro, decidere di allevare questo coniglio non è per niente una cosa facile. Prima di tutto, la portata di questo animale richiede un adeguato spazio per vivere, per correre (quando ne ha voglia) e per sentirsi a proprio agio.

Non è un animale domestico, per cui ha bisogno di stare fuori in giardino, in un’area adeguatamente recintata, ampia e alta, in modo da proteggerlo dai potenziali attacchi dei predatori e per evitare che scappi.

Il coniglio delle Fiandre ha una dieta composta prevalentemente da fieno, che generalmente viene integrata con ogni sorta di verdura. Spesso gli viene dato da mangiare anche della frutta, ma si deve fare attenzione agli zuccheri, perchè questa razza di coniglio tende ad ingrassare facilmente a causa della grandezza e delle dimensioni.

Coniglio gigante delle Fiandre: curiosità

Se l’idea è quella di creare un vero e proprio allevamento di conigli giganti, allora diventerà una necessità far accoppiare gli esemplari di cui si è già in possesso. Nel caso in cui si abbia solamente un maschio o una femmina, comprare un partner richiede una spesa iniziale di €100.

É vivamente consigliato mettere nel recinto il nuovo arrivato qualche giorno prima che la femmina emetta i feromoni, in modo che i due si conoscano un po’ e si abituino l'uno alla presenza dell’altro prima della riproduzione.

Dopo quindici giorni dall’accoppiamento, sarà possibile capire se la femmina è incinta toccandole la pancia; se risulta un po’ gonfia, allora vorrà dire che aspetta dei cuccioli.

La gestazione di un coniglio gigante delle Fiandre dura 29-30 giorni e quando la femmina è vicina al parto, inizierà a strapparsi del pelo per costruire una sorta di nido per i piccoli.

Vai all'articolo precedente:Coniglio Testa di Leone: carattere, alimentazione e consigli
Vai all'articolo successivo:Coniglio Rex: caratteristiche, allevamento e alimentazione
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image