Come insegnare al cane a non abbaiare: suggerimenti utili

26 Agosto 2021
Come insegnare al cane a non abbaiare: suggerimenti utili

Bisogna essere consapevoli che educare un cane a non abbaiare è un procedimento che comporta tempo (settimane o addirittura mesi), ma non per questo dovete scoraggiarvi e demordere. Le prime volte ci vorrà fermezza e sarà una prova di tenacia anche per voi stessi, ma i risultati arriveranno, se saprete ricompensare il vostro cucciolo, nei momenti e nelle modalità opportune.

Abbaiare è l'unico sistema di cui il cane dispone per esprimere sentimenti, stati emotivi e le necessità di cui ha bisogno. Alcune volte, però, un cane che abbaia sempre può essere anche sintomo di alcuni disturbi comportamentali, sui quali si deve lavorare affinché il vostro compagno a quattro zampe non diventi, soprattutto per i vicini, un cane che abbaia troppo.

Far smettere il cane di abbaiare non deve in alcun modo comportare violenza o addirittura interventi chirurgici (come il recidere le corde vocali, procedura fortunatamente vietata in Italia). Quando vi approccerete a questo percorso di educazione con il vostro cane, cercate di "coinvolgere" rispettosamente anche i vicini, se ne avete, perché nei primi tempi ci vorrà pazienza anche da parte loro. Spiegare loro che state imparando voi stessi come non fare abbaiare il cane, vi farà ben sperare in un po' più di tolleranza da parte dei vostri vicini. 

Come insegnare al cane a non abbaiare alle persone

Non appena individuerete la motivazione che porta il vostro cane ad abbaiare, saprete come intervenire: dedicatevi ad eliminare tale motivazione. Il cane prova una sorta di appagamento nell'abbaiare: se tale gli viene tolto, il cane non avrà più motivo di continuare.

Ad esempio: se il vostro cane in giardino abbaia ai passanti o ad altri cani estranei al suo territorio, prendete l'abitudine fin da subito ad accompagnarlo dentro casa. Le prime volte continuerà ad abbaiare probabilmente anche da dentro casa, quindi abbassate le imposte o chiudete le tende. Capirà, dopo qualche volta, che l'abbaio gli preclude la gioia di stare all'aperto, e nel tempo smetterà questo comportamento.

Contrariamente a quanto si immagini, una cosa fondamentale da osservare è ignorare il vostro cane quando abbaia. Sì, è una cosa che sembra molto difficile, ma se si capiscono le motivazioni, sarà invece di facile attuazione. Se alziamo la voce con il nostro cane che abbaia, lui interpreterà il nostro atteggiamento come un'approvazione. Non riconoscendo quello che gli diciamo, a lui parrà di discutere con noi senza capire che non è un giusto atteggiamento da avere.

Se lo ignoriamo (non guardatelo, non parlategli, non coccolatelo!) e gli insegniamo il comando "a terra" con voce ferma e senza urlare, potremo gratificarlo con un bocconcino soltanto dopo che si sarà tranquillizzato. Aspettate qualche minuto prima di premiarlo con lo snack, così che lui non si possa confondere sull'atteggiamento giusto da adottare: con il tempo capirà che è la calma ad essere premiata e non il suo abbaiare.

Un altro espediente per far smettere il tuo cane di abbaiare è distrarlo. 

Fai cadere qualcosa a terra o lanciagli la sua palla preferita, sposta la sua attenzione in qualcos'altro, come il gioco. Non appena si avvicina a te, dagli l'ordine "a terra", e dopo che l'ha eseguito, premialo. 

Ricordiamoci che i cani manifestano la noia o la paura abbaiando. È importante che il padrone sappia interpretare i suoi comportamenti per poter intervenire nel modo corretto e, non da meno, curarsi della sua dovuta attività fisica per sfogare il suo bisogno di movimento (soprattutto per i cani di taglia medio-grande). Portatelo fuori almeno un paio di volte al giorno e fatelo giocare per almeno un'ora consecutiva.

Nel caso invece di cani anziani, un abbaio nervoso e ripetitivo non è altro che un sintomo di senilità canina. Sarà opportuno tenerlo controllato dal vostro veterinario di fiducia, eventualmente con qualche farmaco apposito.

Un ultimo consiglio: siate coerenti. Non appena deciderete di intraprendere questo percorso educativo con il vostro cane, fate in modo di non confondergli le idee con comandi sbagliati o incoerenti. Se alcune volte gli urlate contro quando abbaia e altre invece no, lui non capirà se il suo abbaiare è una buona azione o meno.

Vai all'articolo precedente:Perché il cane non mangia nella ciotola: le cause e come comportarsi
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image