Italiano
Carrello0
Lista Desideri
  
Menu

Come incubare uova di gallina: procedura e tempistiche

Come incubare uova di gallina: procedura e tempistiche

Oggi ritorniamo a parlare di pulcini e di incubatrici. In questo Blog abbiamo già affrontato spesso questioni simili: come funziona l’incubatrice, come gestire la schiusa delle uova… Oggi invece vogliamo spiegare come incubare uova di gallina rispetto allo sviluppo embrionale del pulcino, specificando azioni da compiere e il perché.

Perché usare l’incubatrice per uova

Cominciamo con delle considerazioni basilari. Perché c’è bisogno di ricorrere a delle incubatrici per uova? È cosa piuttosto facile che una gallina, dopo aver deposto uova fertili, non si mostri ben disposta alla cova. La propensione dipende molto dalla razza e quindi, anche se il fenomeno non è perfettamente controllabile, se si ha l’intenzione di allevare galline per la riproduzione è meglio indirizzarsi su determinate razze.

 

Scopri nel nostro Blog caratteristiche e curiosità delle varie razze di gallina!

 

Per ovviare a tale problema le soluzioni sono 2: o si ricorre ad una chioccia, quindi ad un esemplare palesemente propenso alla cova, o si usa un’incubatrice artificiale. Nel primo caso basterà scegliere un volatile (anche di altra specie) rispettando il rapporto tra dimensioni della chioccia e numero-dimensione delle uova. Nel secondo caso il processo sarà un po’ più laborioso.

Riconoscere le uova feconde da incubare: speratura uova

Prima di usare l’incubatrice è necessario capire se le uova sono feconde o meno. Per far ciò si ricorre alla tecnica della speratura che consiste nel verificare, grazie ad una luce, il contenuto dell’uovo (senza romperlo o danneggiarlo ovviamente). Per eseguire questa operazione si possono usare apposite lampade per speratura.

Con una sola speratura sarà difficile capire se l’embrione all’interno dell’uovo è vivo oppure no. Procedendo però con successive sperature si potrà notare se la macchia scura in controluce diventa più grande o meno: nel primo caso l’embrione è vivo.

 

Esempio di speratura delle uova di gallina.

 

Sviluppo embrionale e schiusa uova

Per capire le tempistiche di incubazione è importante sapere come si sviluppa l’uovo. L’intero processo richiede solitamente 20-21 giorni. La prima settimana dalla deposizione è però quella più critica: è infatti nei primi 7 giorni che si sviluppano la maggior parte di organi e parti del corpo. L’inserimento nell’incubatrice dovrà quindi essere fatto non oltre questo periodo, altrimenti le probabilità di schiusa si ridurranno drasticamente.

Lo sviluppo poi procederà fino al 20° giorno circa, quando cioè il pulcino dovrebbe cominciare a rompere il guscio e a farsi strada per uscire.

Incubare uova di gallina: procedura e tempistiche

Una volta che abbiamo uova fertili da incubare, ma neanche una chioccia, dovremo affidarci ad una incubatrice. Grazie alla speratura dovremmo aver capito se le uova sono fertili oppure no: le prime ovviamente sono le uova da incubare e, come detto prima, questa azione dovrà essere fatta prima dei 7 giorni per non comprometterne lo sviluppo.

Nell’incubatrice dovrà essere mantenuta una temperatura costante di 37,7 °C con un’oscillazione consentita di soli 0,2 °C. Per far ciò è fondamentale che anche la temperatura esterna sia piuttosto costante (tra i 18 e i 24°C). Anche l’umidità interna è importantissima e deve aggirarsi tra il 45 e il 55%. Rispettando queste regole garantiremo le condizioni ottimali per l’incubazione.

 

Leggi anche Come funziona l'incubatrice per uova di gallina?”.

Incubatrice Fiem per uova feconde di gallina

Durante l’intero periodo di incubazione le uova dovranno essere girate anche più volte al giorno (almeno 2 volte) sulla relativa base di supporto (girauova), sempre mantenendo la temperatura indicata. Questa azione può essere svolta manualmente o in modo automatizzato ricorrendo ad un’incubatrice automatica. Tutto ciò favorirà il corretto posizionamento del pulcino ai fini della schiusa.

Arrivati al 18° giorno circa, è il momento di rimuovere le uova dall’attuale supporto e adagiarle su una base piana che favorirà la fase di schiusa. Nello stesso momento l’umidità interna deve essere alzata al 60-65%. Dopo la schiusa i pulcini nati in incubatrice vanno tenuti ancora un po’ all’interno della stessa affinché si possano asciugare. Quando tutti i pulcini saranno nati e asciutti potranno essere tolti dall’incubatrice per lo svezzamento.

 

Guarda in questo video un esempio pratico di cosa fare con l’incubatrice dal 18° giorno.

 

Continua a leggere nel nostro Blog “Come gestire la schiusa delle uova”.

Vai all'articolo precedente:L'importanza di un recinto spazioso, sicuro e pulito per le vostre galline
Vai all'articolo successivo:Come produrre mangime per galline ovaiole fatto in casa
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image