Italiano
Lista Desideri
  
Menu

La riproduzione dei polli e la consanguineità

La riproduzione dei polli e la consanguineità

I polli sono animali poligami. I galli combattono tra loro per formare un proprio harem di galline, con cui si accoppiano più volte al giorno. Nelle razze giganti il gallo copre un gruppo di 6-8 galline, mentre nelle razze medie il numero si aggira intorno a 10-12 femmine. Nelle razze nane, come la Cocincina, un gallo può arrivare ad avere un harem anche di 15-18 galline! Questi numeri ovviamente variano in base all’indole degli animali, al tipo di allevamento e allo spazio che hanno a disposizione.

Le caratteristiche dei buoni riproduttori

I migliori riproduttori sono animali sani e con caratteristiche di razza molto marcate. I galli devono essere vigorosi, battaglieri e con uno spiccato interesse per le femmine. Le galline devono avere un’ottima conformazione fisica ed essere buone chiocce.

Come avviene l’accoppiamento dei polli?

Durante l’accoppiamento, il gallo si avvicina alla femmina da dietro e le sale sulla schiena con le zampe. La gallina si abbassa, allarga le ali e alza la coda. Il maschio si tiene in equilibrio afferrando con il becco le piume sulla testa della pennuta e abbassa la coda fino a far combaciare la sua cloaca con quella della compagna. Solo a questo punto espelle il seme nella cavità della femmina.

Per capire se l’atto è andato a buon fine si deve osservare il comportamento della gallina: se si scrolla la polvere di dosso e arruffa le penne significa che il rito amoroso è stato portato a termine. Se invece il maschio se ne va ma lei rimane ferma come in attesa di qualcosa, quasi sicuramente il gallo non ha compiuto il suo dovere!

Problemi di riproduzione dei polli

Anche se l’accoppiamento è stato portato a termine, non è detto che sia avvenuto con successo! La gallina potrebbe non essere stata fecondata oppure le uova potrebbero dar vita a pulcini non sani. Vediamo insieme quali sono le cause principali dei problemi di riproduzione:

1. Tutta colpa del gallo. Se il maschio è debole oppure troppo giovane e inesperto, l’accoppiamento può non andare a buon fine.

2. I riproduttori sono incompatibili tra loro. Se gallo e galline non vanno d’accordo, le continue liti possono tradursi in un cospicuo numero di uova non fecondate.

3. Troppi galli in un pollaio! Se i galli sono troppi rispetto al numero di galline, i “single” che non riescono a formare il loro harem iniziano a competere con i maschi dominanti e li disturbano durante l’atto sessuale, impedendogli di portarlo a termine.

4. Questione di piumino. In alcune razze, ad esempio la Orpington, il piumino attorno alla cloaca è talmente fitto da impedire l’accoppiamento! In questo caso per risolvere il problema è sufficiente accorciare il piumino con le forbici.

5. I riproduttori sono sterili. Questo succede soprattutto quando si acquistano animali alle mostre. Spesso infatti gli allevatori vogliono vendere alcuni esemplari ma senza “cedere” le loro linee di sangue. Per questo sterilizzano galli e galline.

6. Galli e galline sono parenti troppo stretti! Molti allevatori considerano nociva la consanguineità, soprattutto se portata avanti per troppo tempo. Se gestita male infatti può rendere evidenti tare e difetti genetici, fino a trasformarli in caratteri puri presenti in tutti gli esemplari. Bisogna quindi selezionare sempre e solo i migliori riproduttori al fine di migliorare la razza. Se invece si punta sulla produttività bisognerebbe cambiare gallo ogni anno e galline ogni tre anni, tenendo però presente che introdurre spesso sangue nuovo nell’allevamento aumenta la possibilità di malattie e impedisce di perfezionare le caratteristiche del gruppo.

Cosa succede nel vostro pollaio nei momenti di intimità? Avete mai avuto problemi di riproduzione tra galli e galline? Raccontateci le vostre storie! Noi de Il Verde Mondo siamo curiosi di sapere come si comportano i vostri amati pennuti. Continuate a seguire il nostro Blog: il prossimo mese parleremo delle battaglie tra galli per la conquista dell’harem e delle strategie sessuali messe in atto dalle galline per la selezione naturale!

Vai all'articolo precedente:Alimentazione delle galline: i cibi preziosi e quelli da evitare
Vai all'articolo successivo:Come riconoscere e gestire una chioccia
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image