Coniglio Alaska: caratteristiche e cura

21 Dicembre 2021
Coniglio Alaska: caratteristiche e cura

I conigli Alaska non si possono considerare come una razza molto comune in Italia, dove in realtà non se ne vedono poi tanti. Ma se pensassimo di essere di fronte ad una specie che proviene per l'appunto dall'Alaska ci sbaglieremmo di grosso. 

In realtà questo coniglio è un animale di provenienza tedesca, che venne allevato in quelle zone per motivi commerciali, cercando di trovare un animale che fosse in grado di avere un pelo che ricordasse quello della volpe dell'Alaska. Da qui appunto la denominazione della razza, che in realtà ha origini russe, essendo i conigli di quella zona tipicamente di colore nero come questa specie.

Vediamo allora come prendersi cura e quali sono le caratteristiche di questa razza di conigli originaria dell'Europa centrale.

Coniglio Alaska caratteristiche

Quando parliamo di conigli razza Alaska ci riferiamo ad un animale dall'indole gentile. Infatti, questa razza è sempre stata naturalmente socievole ed estroversa, tanto da essere vista di buon occhio non solo per l'allevamento, ma anche come animaletto domestico di compagnia in presenza di bambini.

Anche con altri tipi di conigli la razza Alaska si dimostra affabile anche se è comunque consigliabile sorvegliare i momenti di compresenza e prevedere lunghi tratti di giornata nella gabbietta.

Viste quelle che sono le caratteristiche comportamentali di questa tipologia di conigli passiamo a vedere anche come renderlo felice, cioè come prendersi cura di un coniglio Alaska in maniera perfetta.

La razza può essere tenuta indifferentemente sia all'aperto che al chiuso, dato il suo mantello che può comunque ripararlo dal freddo in maniera ottimale.

Quando però viene tenuto all'aperto è sempre consigliabile fornire un minimo di fonte di calore e quando invece si vuole tenere al chiuso, soprattutto direttamente in casa, valgono le usuali norme di buon senso: non lasciamo quindi materiale pericoloso alla portata dei denti del coniglio, che di natura sarà portato a rosicchiare tutto quello che si trova a disposizione, quindi anche cose potenzialmente letali come cavi elettrici.

In ogni caso è buona norma per la salute del coniglio prevedere due zone separate per la lettiera e per la notte, in modo da lasciare maggiore comfort.

Conigli Alaska alimentazione e malattie

Parte integrante del benessere del nostro coniglio di razza Alaska passa dall'alimentazione.

Questa specifica razza richiede una dieta che per il 70% si compone di fieno, utile per fornire fibre e calorie di cui l'animale necessita. Oltre a questo, un fieno di buona qualità sarà importante anche per mantenere l'igiene dentale del coniglio durante tutto l'arco della sua vita, che si attesta tra gli 8 e 10 anni mediamente.

Alternative ottime al fieno sono le classiche porzioni di mangime tipo pellet, che vengono vendute per la salute del coniglio: si tratta di fieno pressato arricchito da vitamine e nutrienti, che sarebbero deficitari in una normale dieta del coniglio. Oltre a questo, possiamo anche talvolta "viziare" il nostro coniglio Alaska con verdura a foglia verde e qualche sporadico bocconcino: attenzione solo ad evitare in maniera categorica dolci e zuccheri, che sono estremamente dannosi per l'animale.

Sotto il profilo della salute la razza Alaska non dimostra di avere particolare patologie proprie e quindi per il controllo delle malattie basterà affidarsi ai normali controlli e alle vaccinazioni, che si riservano normalmente ai conigli. Pertanto, è consigliabile vaccinare il coniglio per la VHD e la Mixomatosi, oltre ad eseguire i periodici controlli contro parassiti di vario genere come pulci, zecche e vermi.

Attenzione sempre ai denti come per tutti i conigli: la dentatura dell'animale cresce per tutta la durata della vita, e una delle parti importanti dello sviluppo è dato dal digrignamento dei denti. Qualora il coniglio non lo facesse naturalmente consumando il fieno questa operazione dovrà essere indotta, facendosi aiutare da un veterinario per conoscere nello specifico come fare.

 

Vai all'articolo precedente:Coniglio olandese nano: carattere, cura e alimentazione
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su