Progettare orto e allevamento: Consigli e considerazioni

5 Agosto 2014
Progettare orto e allevamento: Consigli e considerazioni

Se avete intenzione di cominciare a coltivare un orto e di allevare qualche animale da cortile e da compagnia dovete prepararvi attraverso un’attenta progettazione di tutto quanto dovrete fare, indipendentemente dalle dimensioni dell’orto e dal numero degli animali che intendete allevare.

Una buona progettazione serve ad ottenere un maggiore resa del terreno. Riflettete attentamente su quelle che sono le vostre esigenze alimentari, quali ortaggi vi piacciono più degli altri, quali animali volete allevare e se avete il sufficiente spazio. Un orto per la sussistenza di una famiglia di quattro persone può misurare anche solo tre metri per quattro.

Se dovete progettare un orto fate un elenco delle colture che volete far crescere. Secondo passaggio sarà quello di annotare il periodo nel quale questi ortaggi li dovrete piantare. Informatevi sulla consociazione delle varie piante e lo spazio necessario per ogni coltura. Progettate la piantumazione e non dimenticate di prevedere dei vialetti per la gestione dell’orto. Una volta finito il progetto provate a trasferirlo sul terreno e a quel punto, quando avrete verificato le dimensioni e fattibilità della cosa cominciate a vangare, sezionare le aree e recintare. Nella redazione del progetto dovete tener conto di vari fattori. Non dovrete scegliere un terreno troppo ripido o una zona ombreggiata, prediligete, se possibile, una zona al riparo dal vento (soprattutto quelli provenienti da nord, nord-est). Quando suddividerete l’appezzamento scegliete la forma rettangolare e le dimensioni dei vialetti dovranno essere progettate delle dimensioni necessarie per permettere di passare agevolmente anche con una carriola. Le file di ortaggi è preferibile piantarle nel lato nord-sud, in questo modo prenderanno il massimo del sole possibile. Oltre all’orto potete prevedere di piantare dei frutteti e potrete destinare alcune zone alle erbe aromatiche.

Se dovete far spazio per dei polli bisogna valutare il fatto che dovete sistemare il pollaio in una zona comoda. Dovrete infatti considerare che visiterete l’allevamento più volte al giorno, sia per dar da mangiare agli animali, che per raccogliere le uova. Valutate quanto vicino a casa lo volete mettere. Avere il pollaio vicino può rivelarsi comodo ma il rumore che producono gli animali potrebbe disturbarvi, soprattutto se decidete di allevare anche un gallo. Nell’acquisto della casetta degli animali potreste affidarvi a un pollaio prefabbricato in legno che potremmo fornirvi noi. Questa soluzione è la più veloce e comoda, in quanto avrete la possibilità di cominciare il vostro allevamento nel giro di pochissimi giorni con prodotti solidi e studiati proprio per i vostri animali. In altra maniera dovrete dar sfoggio delle vostre abilità di falegnami. Nel caso optiate per l’autoproduzione del pollaio considerate il fatto che oltre al legno avrete bisogno di rete, carta catramata, accessori per le porte, oltre che a tutti gli attrezzi necessari per la lavorazione, come sega circolare, troncatrice, avvitatore, trapano, forbici da ferro, ecc.

Nonostante i polli e le galline siano gli animali più comuni quando si decide di allevare degli animali da cortile non è escluso pensare di allevare anche anatre, oche, tacchini, fagiani, ecc. E’ chiaro che bisogna essere preparati come si farebbe con dei polli. Quindi verificare la fattibilità, capire se è sufficiente avere un pollaio in legno per polli o se richiedono maggiori spazi e strutture. Per esempio delle anatre dovrebbero avere a disposizione un piccolo laghetto nel quale sguazzare, i tacchini dovrebbero avere dei posatoi più resistenti rispetto a quelli studiati per i polli, ecc.

Una buona idea potrebbe essere quella di inserire alcune capre all’interno del vostro allevamento. Sono degli animali che si possono gestire molto facilmente, non hanno bisogno di grandi spazi e garantiscono grandi soddisfazioni grazie all’apporto di latte fresco, il quale può arricchire la vostra produzione di sussistenza anche di formaggio e burro.

Altre idee per il vostro allevamento potrebbe essere quello di acquistare dei maiali, questa però è una soluzione più ardimentosa in quanto richiedono molto spazio e attenzioni. Altri animali che potreste integrare nel vostro terreno sono le api. Questi animali stanno avendo un grande incremento di allevatori, da una lato perché non hanno bisogno di nulla per sopravvivere e dall’altro perché forniscono del buon miele, il quale può essere scambiato con altri allevatori per completare il proprio percorso verso la sussistenza.

Qualsiasi sia la vostra possibilità di spazio e di tempo avvicinarsi all’orticoltura e all’allevamento di animali da cortile è un ottimo passo verso la sconfitta della crisi e delle cattive abitudini alimentari. Secondo noi è un passo obbligatorio verso il nuovo mondo che ci aspetta. Uno dei tanti, nuovi, volti della terza rivoluzione industriale, che secondo noi (Il Verde Mondo) passa attraverso queste pratiche considerate “vecchie e primitive”.  Noi stiamo provando sulla nostra pelle attraverso l’istituzione del “Progetto Ecologico”. Ci stiamo rendendo conto che è la cosa giusta e migliore da fare per la nostra salute, le nostre tasche e i nostri rapporti sociali.

Nel caso abbiate bisogno di ulteriori consigli o vogliate fare quattro chiacchiere con noi rimaniamo a completa disposizione.

Vai all'articolo precedente:Fiera degli Uccelli di Maerne
Vai all'articolo successivo:Allevare maiali: consigli da Il Verde Mondo
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su