Oca Lombardella: caratteristiche, allevamento e cova

19 Febbraio 2021
Oca Lombardella: caratteristiche, allevamento e cova

L'Oca Lombardella è una delle specie maggiormente conosciute in tutto il mondo per il modo di volare, le sue fattezze, il suono che emette e il suo carattere estremamente docile.

In questo articolo si cercherà di fare chiarezza su questa razza di oche.

Oca Lombardella: habitat

La Lombardella, detta anche Anser albifrons o Oca Lombardella Maggiore, è una specie appartenente alle famiglie delle oche del Nord.

Questa razza, infatti, tende a vivere in paesi come la Svezia, la Norvegia, la Finlandia, le coste russe del mar Baren e anche in Gran Bretagna, Belgio, Olanda, Danimarca e Repubblica Ceca, anche se in quantità minore.

Le zone in cui normalmente vive si caratterizzano per essere delle vaste aree dall'erba verde, in cui altri animali vanno a pascolare, campi coltivati e pieni di trifoglio, vaste praterie, coltivazioni di cereali, ampie steppe e tutti quei luoghi tipici delle regioni aride.

Ovviamente, in base alle zone in cui nasce tende a vivere in condizioni leggermente diverse, come ad esempio a volte può avere la tendenza di sostare in zone particolarmente umide e acquitrinose.

Vivendo nelle steppe e nelle grandi distese erbose, tipiche delle steppe, le oche lombardella hanno imparato a vivere anche con altri animali che abitano quelle regioni; questa caratteristica la porta ad aver sviluppato un carattere particolarmente docile, mansueto e abituato a convivere con altre specie animali.

Proprio per il loro carattere, le oche lombardelle si dicono essere facilmente addomesticabili, e quindi ottimi animali da compagnia.

Oca Lombardella: alimentazione

Questa specie di oca si nutre per lo più di vegetali, come erba o alghe (se vive vicino a corsi d'acqua); può capitare che a volte decida di nutrirsi di piccoli animali acquatici e invertebrati, molluschi, bacche e lumache.

In altri paesi, invece, l'oca lombardella tende a cibarsi di steli, foglie, tuberi, semi, stoloni o rizomi.

Oca Lombardella: caratteristiche

Il corpo della lombardella si presenta con una struttura compatta e di una certa imponenza, possiede due grandi ali che gli permettono di avere un volo rapido e slanciato.

Il piumaggio risulta chiaro, con delle tonalità fra il grigio e il marrone, con più striature nere sul petto e sulla pancia.

Sul muso si trova uno dei tratti più caratteristici di questa specie, cioè una una striscia bianca sulla mandibola superiore, mentre il resto del becco si mostra con una colorazione brillante di rosa, tendente all'arancio.

Il medesimo colore brillante, rosa tendente all'arancio, si presenta anche sulle zampe palmate, tipiche delle anatre.

Infine, il verso dell'oca lombardella si presenta estremamente rumoroso e riconoscibile da chilometri; il suono emesso da questa razza si distingue per essere molto acuta, simile ad una risata stridula, per questo alcuni hanno dato l'appelativo di "oche che ridono" a questa razza.

Oca Lombardella: accoppiamento

Una volta formata una coppia, questa si sposterà verso la tundra, per costruirsi un nido adatto a deporre e covare le uova.

I nidi dell'oca lombardella, soprattutto quella della lombardella minore, vengono fatte in spiagge o estuari nella tundra e nella bassa vegetazione. I nidi possono essere fatti per terra oppure sugli alberi, anche se generalmente questa specie preferisce la prima opzione.

I nidi e la cova delle uova possono essere fatti all'altezza del livello del mare, oppure possono sopportare altitudini fino ai 700 metri dal livello del mare, comprese fra i margini della tundra e delle foreste.

Ogni femmina in una stagione potrà al massimo deporre e covare fra le 5 e le 7 uova.

Le uova sono di un color crema e rosa pallido e la cova avrà una durata di 25-30 giorni; una volta nati i piccoli, quindi, saranno totalmente a carico della madre per i primi 55-70 giorni, periodo in cui avverrà il primo volo.

Vai all'articolo precedente:Oca Collorosso: caratteristiche e allevamento
Vai all'articolo successivo:Oca delle Nevi: caratteristiche e allevamento
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image