Galline New Hampshire: le caratteristiche e i consigli per allevarle

19 Agosto 2021
Galline New Hampshire: le caratteristiche e i consigli per allevarle

I polli razza New Hampshire sono originari statunitensi, nati intorno al 1910 nello stato del New Hamsphire, da cui prendono appunto il nome. Sono di medio-grandi dimensioni, di corporatura piuttosto robusta e compatta, dal portamento slanciato e dalla cresta semplice a cinque punte portata diritta sul capo con fierezza, in entrambi i sessi.

Nel 1935 la gallina New Hampshire fu ammessa nell'American Standard of Perfection, considerata quindi "la razza perfetta" secondo gli standard americani. Dalla duplice produttività, sia in termini di uova che di carne, la gallina New Hampshire è in grado di produrre circa 200-220 uova l'anno, anche durante i mesi invernali, sebbene non abbia però particolare attitudine alla cova.

Le galline ovaiole razza New Hampshire sono oggi riconosciute come le classiche "galline americane" per definizione.

Ne esistono di due colorazioni: l'originale bruno-dorata e quella bianca.

Vengono chiamate anche "le rosse del New Hamsphire", perché discendono dalle sorelle Rhode Island Red, dal tipico piumaggio rosso. I coltivatori americani della zona del New Hampshire e del Massachusetts hanno cercato di ottenere nel tempo una razza dalla livrea più chiara, perché potesse essere distinta dalle altre, con delle caratteristiche prettamente redditizie, cioè robuste, dalla crescita veloce e dalla rapida produzione di uova.

La loro diffusione iniziò nel dopoguerra anche in Europa, dove allevatori olandesi cercarono di ottenere una razza dal colore bruno-dorato blu, una terza varietà, dove il blu sostituiva il piumaggio nero dell'originale americana. 

In Italia, il pollo New Hampshire venne importato successivamente, intorno al 1940, dove già la Rhode Island Red era molto conosciuta, sviluppata ed apprezzata. Intorno agli anni Sessanta, la Stazione Sperimentale di Pollicoltura di Rovigo utilizzò le galline New Hampshire e Sussex per dar vita alla sintetica veneta, l'Ermellinata di Rovigo.

Galline New Hampshire: caratteristiche e allevamento

Trattandosi di una tipica razza da reddito, ha un peso piuttosto consistente: gli esemplari maschi possono raggiungere quasi i 4 chilogrammi di peso, mentre le femmine vanno dai 2.5 ai 3 chilogrammi quasi.

Nonostante la sua ricca produttività ovaiola, la razza del New Hampshire è un'ottima pascolatrice, adatta alla vita domestica all'aperto, dall'indole mite e tranquilla, vive senza problemi anche in uno spazio recintato, senza che il suo carattere tipicamente rustico ne possa risentire.

Caratteristiche fisiche

Ha una testa ed un collo mediamente lunghi, la cresta è semplice e rossa, come gli orecchioni e la faccia, e la mantellina è ricca ed arcuata. Gli occhi sono tondi e di un colore che va dal rosso all'arancione scuro, i bargigli sono larghi ed il becco è forte, mediamente lungo e di color avorio.

Dalle forme arrotondate, ha il dorso largo, come il petto pieno e profondo, la coda è portata ben aperta e verso l'alto, anch'essa di media grandezza. Nel maschio è falciforme, dalle timoniere scure, larghe e ben allungate. Le zampe hanno quattro dita, sono muscolose ed evidenti, dai tarsi lunghi e dritti, di colore giallo e privi di piume. La pelle è di colore giallo ed il piumaggio è di penne larghe, portate aderenti al corpo, come le ali.

Nel caso di allevamento domestico, per nulla industriale, la gallina New Hampshire sarà felice di poter crescere con un metodo detto "free-range": altro non è che un pascolo all'aria aperta a bassa densità, cioè una gallina ogni 10 metri quadri e 4 galline per metro quadro in un pollaio chiuso.

Con questo metodo di allevamento, il benessere dell'animale è messo in primo piano rispetto ai numeri della sua produttività. Purtroppo, in Italia non è ancora così diffuso, perché svantaggioso economicamente: rende infatti 10 volte meno rispetto all'intensivo (basti pensare che negli allevamenti intensivi, lo spazio dedicato ad una gallina in una gabbia è inferiore ad un foglio A4!).

Alimentazione

L'alimentazione delle galline New Hampshire in un contesto rustico e libero è di granaglie e farina di erba medica, oltre a tutto quello che possono trovare beccando in un campo d'erba fresca.

Importante per la loro salute è avere acqua, mangimi e giacigli puliti, per evitare l'annidarsi ed il proliferare di batteri che possono comportare dannose malattie. E ovviamente una casetta a cui far ritorno la sera per passarvi la notte, basta un ricovero in legno fatto anche con materiali di recupero, purché assicuri loro la protezione da predatori, vento e umidità nei mesi più freddi. 

Vai all'articolo precedente:Gallina ermellinata di Rovigo: caratteristiche e allevamento
Vai all'articolo successivo:Gallina spagnola faccia bianca: caratteristiche e allevamento
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su
Cookie Image